Finanziamento Chirografario

Finanziamento Chirografario
Il finanziamento chirografario è un prestito erogato sulla base della sola firma di uno o più soggetti. E’ più frequente la situazione della doppia firma, quale unica garanzia, mentre la firma unica è un caso molto raro.

Prima di dare una definizione di finanziamento chirografario, vi esplichiamo il significato letterale di “chirografario”: “chiros” deriva dal greco e significa “mano” e sempre dal greco deriva anche “graphos”, che vuol dire “firma”. Quindi, chirografario significa “firma a mano”, “firmato di pugno”. Pertanto, passando alla definizione generale di finanziamento chirografario, esso è un prestito accordato sulla base della garanzia della sola firma di uno o più soggetti.

Parliamo, dunque, di tutti quei prestiti che vengono concessi con la sola garanzia della firma e nulla più. E’ l’ideale per una persona che richiede un finanziamento, ma nella pratica sappiamo che almeno viene richiesta la garanzia della busta paga o comunque di un reddito da lavoro, altrimenti non si spiegherebbe da dove il futuro debitore prenderebbe le risorse da destinare alla restituzione del debito contratto.

In alternativa al reddito o a sua integrazione, può essere richiesta una garanzia reale, ossia su un immobile, che darebbe titolo alla società di credito, attraverso l’iscrizione di un’ipoteca, di escutere il bene, in caso di mancato pagamento del debito.

Pertanto, il prestito con la sola firma di un soggetto è un caso assai raro, come potrebbe essere quello concesso a uno studente, in cambio di un piccolo importo (qualche migliaio di euro). Più frequente, invece, è il caso della doppia firma, ossia di un finanziamento accordato, grazie alla firma non solo del debitore principale, ma anche di un soggetto terzo, che si assume in solido la responsabilità del rimborso. Le qualità personali del terzo garante, in questi casi, determinano anche le condizioni di erogazione del finanziamento.

In ogni caso, mai il prestito chirografario viene concesso per ragioni di pura liquidità, ma deve essere sempre finalizzato all’acquisto di beni e servizi, o all’effettuazione di investimenti nell’impresa, come nel caso di un piccolo imprenditore, artigiano, commerciante.
Per tutti gli altri aspetti, un finanziamento chirografario presenta le stesse caratteristiche di un normale prestito.